lunedì 16 luglio 2007

MASTELLA! MA NON TI VERGOGNI?

Non c'è dubbio. Questa maggioranza lascia sicuramente molto a desiderare in diversi suoi elementi. L'elenco è davvero lungo:
Fioroni, da Rutelli a Gentiloni, e via elencando sino al più incredibile di tutti:
Clemente Mastella.
Ma come abbiamo potuto vedere con il linciaggio di Visco da parte dell'attuale opposizione, tutti i suddetti figuri sembrano dei maestri di stile e di pensiero al confronto dei mestatori di professione della destra quali La Loggia, La Russa, Schifani, Bondi, Calderoli, e via elencando sino a Colui Che Non Si Può Nominare.
Certo, sia i primi che i secondi se ne fottono dell'interesse generale e si dedicano alla nobile arte di curarsi i loro interessi molto particolari.
Ma mentre i primi sono dei dilettanti allo sbaraglio, i secondi sono dei veri professionisti. Detta in altri termini, i primi riescono a procurare un male moderatamente minore al paese.
Insomma, visti e tempi e, sopratutto, le alternative disponibili, teniamoci stretta questa sciamannata maggioranza rispetto ai professionisti della mistificazione dell'altra sponda.
Mastella! Ma non ti vergogni?
fonte:parzialmente chartitalia



2 commenti:

carla ha detto...

politici fate schifo!

LUIGI IOVINO ha detto...

Ti assicuro che come tanti politici Mastella ha ben altre cose di cui vergognarsi..., che non sono di dominio pubblico..., se Vuoi puoi visitare il mio Blog www.luigiiovino.it

Al "nostro" ho dedicato una COVER di "Don Raffaè" di De Andrè... spero che piaccia a te ed ai tuoi lettori...

Don CLEME'...
Petit diverti... ssament...;

da "De Andre" una COVER di "Don Raffaè"

indovinate chi è il personaggio????
...........................


Io mi chiamo Clemente Pastella
è sò il controllore più bello che c'è
io mi chiamo Pastella Clemente
e stò mmiez ò burdello dal '76

alla centesima intervista
alla sera mi sento uno straccio
per fortuna che tra la mia gente
ognuno si guarda e io mi guardo da mé

Tutto il giorno con quattro infamoni
briganti, papponi, cornuti e lacchè
tutte l'ore cò 'sta fetenzia
che sputa minaccia e s'à piglia cò me

ma alla sera m'assetto papale
dint'o night e mi faccio il serale
mi rilasso e mi sballo nu poco
mi spiego che penso e mi prend'ò cafè

A che bell'ò cafè
sol'a Napule 'o sanno fa
co' à ricetta ch'à n'amico bello
compagno e partito
ci ha dato mammà

Prima pagina venti notizie
ventuno ingiustizie e lo Stato che fa
si costerna, s'indigna, s'impegna
poi getta la spugna con gran dignità
mi scervello e mi asciugo la fronte
trà chi contesta e chi mi risponde
a' lloro ribbatto... chè d'é?
Si a politica mia nun v'é piace
chiedeteci e'lleggi a chi sà chiù di mé

Tutt'e iuorne pé fora alla casa cè
tengo nù seguito e gente e lacchè,
nù favore non nego a nisciuno
si ddoppé nù voto ncè iesce pè mé
tutt'o riest dei miei cumpare
pure a Cristo ci levano 'a croce
ò rispetto nun sann' che dè
volite 'a spremuta o volite 'o cafè

A che bell'ò cafè
sol'a Napule 'o sanno fa
co' à ricetta ch'à n'amico bello
compagno e partito
ci ha dato mammà

A che bell'ò cafè
sol'a Napule 'o sanno fa
co' à ricetta ch'à n'amico bello
compagno e partito
ci ha dato mammà

Nel paese ci stà l'inflazione, la svalutazione
e la borsa ce l'ha chi sà sape àrrubbà,
sti famiglie con uno stipendio
non ponn' fa a spesa e nun ponn' campà
Poi mi imputano 'finta innocenza...
sì l'indulto ls'é fatto, e vabbè
non ho chiesto la grazia pe' me
ma soltanto nù piccolo sconto
per chi stava dentro e felice nunn'è


Pé stì legge vi faccio un appello
che ogni processo mò sadd'accurcià
na penzat'aggio fatto e s'impone
che tutto si faccia alla televisione
Nce né andiamo dalla "De Filippi"
E faccimme "Ncè posta pe tè"
Quannè iesce a sentenza bbrindamme
gradite " O' Campari o volite 'o cafè

A che bell'ò cafè
sol'a Napule 'o sanno fa
co' à ricetta ch'à n'amico bello
compagno e partito
ci ha dato mammà

A che bell'ò cafè
sol'a Napule 'o sanno fa
co' à ricetta ch'à n'amico bello
compagno e partito
ci ha dato mammà

Qui non c'è più decoro le carceri d'oro
ma chi l'ha mai viste chissà
chiste so' fatiscienti pe' chisto i fetienti
se tengono l'immunità

Chi stà dint' nun tène lì santì
si è tenesse nun stesse più quà
sol'e pover stann' n'galera
e intant'é fetiente se stanno a spassà

A' giustizia in Italia e precaria
più precaria ca nun sè pò fà
nù processo cà mò s'accummencia
p'à fine d'o secolo forse cià fà
nci'apparamma con la prescrizione
si l'archiviazione possibil' 'unnè
tant'è o stesso...., ma chi se n'addona...
che crema d'Arabia ch'è chisto cafè!

LUIGI IOVINO