giovedì 12 aprile 2007

VIA I CONDANNATI DAL PARLAMENTO


Il ministro delle Infrastrutture e leader dell'Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, ha presentato al Senato il disegno di legge che impedisce ai condannati in via definitiva di potersi candidare.
Lo scrive direttamente sul suo blog Internet: "Abbiamo ripresentato al Senato il disegno di legge che stiamo portando avanti da tempo. Un impegno che avevo preso in campagna elettorale. La proposta dell’Italia dei Valori che impedisce, a chi è condannato con sentenza passata in giudicato, di candidarsi e sedere tra i banchi del Parlamento...""... Siamo alle prime battute di un provvedimento che non è assolutamente ben visto sia dalle forze di opposizione che da quelle di maggioranza... Tutt’ora nelle aule di Senato e Camera siede una folta rappresentanza di condannati con sentenza definitiva per vari reati, mentre ai cittadini chiediamo il rispetto della legalità e continuiamo a professare che la legge deve essere eguale per tutti."
Presentato il ddl, Di Pietro chiede che l'iniziativa venga sostenuta anche dai cittadini: "Ho bisogno del vostro aiuto: inondiamo di fax e di email la Camera dei Deputati e il Senato, chiedendo che quella legge sia discussa. Approvata o meno, almeno la si voti. Quello che potevo fare, l'ho fatto".Intanto la commissione Antimafia ha approvato il codice di autoregolamentazione secondo il quale i partiti si impegnano a non inserire nelle liste candidati che abbiano riportato condanne. Un segnale che va nella giusta direzione. Peccato però che la sottoscrizione di tale codice non sia obbligatoria. cosa ne pensi?

1 commento:

pinomontinaro.blogspot.com ha detto...

Giusto per restare in Tema l'ex sindaco di Taranto: Cito dopo aver scontato 4 anni di carcere ha deciso di ricandidarsi alle elezioni del 27 e 28 maggio.