martedì 15 maggio 2007

AUTO BLU: RECORD MONDIALE AL PRIVILEGIO ITALICO

Scuderia blasonata, cilindrata ruggente, carrozzeria blu (o grigio-metallizzato), autista al volante, pass incorniciato sul parabrezza, navigatore, cruscotto in radica e sedili in pelle per altolocati fondi schiena.
La classifica dei paesi che utilizzano le “auto blu” vede oggi al comando l'Italia con 574.215 seguita dagli USA con 73.000, Francia con 65.000, Regno Unito con 58.000, Germania con 54.000, Turchia con 51.000, Spagna con 44.000, Giappone, con 35.000, Grecia con 34. 000 e Portogallo con 23.000.
Da destra e da sinistra si sono più volte levati accorati appelli per l’abbattimento delle spese dell’immensa flotta di auto raccomandate, ma le buone intenzioni non sono approdate da nessuna parte. Anzi… dal 2001 al 2006, la voce «noleggio di automezzi» nel bilancio delle spese che gravano sulle casse dello Stato ha visto un’impennata da 28 a 140 milioni di euro, pari a un aumento reale del 357%.
E non mancano i casi eclatanti, come l’upgrade del parco macchine deciso dalla regione Veneto e segnalato nelle colonne de Il Corriere della Sera qualche tempo fa.Il governatore Giancarlo Galan, infatti, decise di eliminare le «vecchie» Lancia Thesis 2.400 turbodiesel che servivano la giunta e interpretando la legge europea, che non consente di pretendere questa o quella marca, gli amministratori veneti esprimono in un bando i loro “desiderata”: vogliono tredici «grandi berline» a noleggio «a lungo termine» per 24 mesi che facciano 60 mila chilometri e abbiano come «cilindrata: 3.000 c.c. circa» e «alimentazione diesel» e «trazione integrale» e «lunghezza non inferiore a 480 cm» e «larghezza non inferiore a 180 cm. (riferita alla vettura senza retrovisori)».
E poi vogliono, «a pena di esclusione dalla gara», il navigatore satellitare e la «selleria in pelle» e il «climatizzatore automatico» e i «sensori di parcheggio» e la «presa accendisigari posti posteriori» e i «cristalli laterali e lunotti scuri» e la «tendina parasole lunotto posteriore». Casualmente, le citate caratteristiche restringono di fatto la scelta alle grandi berline extra-lusso, tutte straniere."E io pago..."
Fonte:Alice

5 commenti:

Stefano Editor: ha detto...

Se ci fossero più valori morali, se ci fosse meno ipocrisia, se ci fosse più dignità, se ci fosse meno arroganza, se ci fosse più onestà.
Non staremmo leggendo di politica italiana.

Anonimo ha detto...

B A S T A R D I

Saverio da Corato ha detto...

Se risparmiassero tutti i soldi che spendono per cose superflue, l'Italia sarebbe un paese ricco.....

Anonimo ha detto...

O.I. (off inculation)

Ancora un grande articolo di Gatti meglio di Travaglio

FRANCIA E ITALIA

Dovrebbe leggerlo anche Beppe così si sveglia fuori

In
http://www.fottilitalia.com/
il sito anti-italiano per eccellenza

Tob ha detto...

Scusate, ma è chiaramente una bufala. 500 mila auto blu richiedono almeno 1 milione di autisti. Su 4 o 5 milioni di dipendenti statali 1 su 4 o 5 sarebbe un autista. Ma vi pare?
Avranno contato anche le auto delle polizia e le jeep dell'esercito.
Saluti